Saluto alle Associazioni

Cambiamo casa , senza cambiare strada di Maria De Benedetti Come   avevamo   anticipato   già   dalla   scorsa   estate,   il   Cepros   in   queste   settimane   sta cambiando   casa,   ultimando   il   trasloco   presso   la   sede   dell’Astiss   in   piazzale   De   Andrè,   che dovrà   concludersi   entro   il   prossimo   15   dicembre.   A   dire   il   vero,   questa   ipotesi   si   sarebbe potuta   realizzare   fin   dal   2009,   quando   –   grazie   alla   generosità   del   suo   direttore,   Francesco Scalfari   –   sempre   il   Consorzio   Asti   Studi   Superiori   ci   aveva   proposto   di   iniziare   una collaborazione   scientifica,   trasferendoci   da   loro.   Se   questo   non   era   avvenuto   fino   ad   oggi, tuttavia,   è   proprio   per   una   serie   di   ragioni   –   soprattutto   di   carattere   affettivo   –   che   da sempre   legano   la   nostra   Associazione   alla   sua   storica   sede   di   via   D’Azeglio.   Lì,   infatti,   in quella   casa,   come   tutti   sanno   mio   fratello   Paolo   e   io   abbiamo   a   lungo   abitato   insieme   ai nostri   genitori.   Motivo   per   cui   quando   alla   loro   morte,   sul   finire   degli   anni   ’70,   decidemmo di   creare   il   Cepros:   un’iniziativa   stabile   intesa   a   perpetuare   la   memoria   per   come,   nella loro   città,   papà   e   mamma   avevano   vissuto   con   impegno   esemplare   la   professione,   la   vita familiare   e   la   solidarietà   umana,   non   abbiamo   potuto   immaginare   alcun   altro   luogo.   In questi   lunghi   anni   non   siamo   mai   stati   soli,   potendo   sempre   contare   sulla   vicinanza   di tante   altre   realtà   legate   al   mondo   del   volontariato   e   della   cultura   che   –   com’è   proprio   di quanti   fanno   del   bene   in   maniera   del   tutto   disinteressata   –   insieme   a   noi   hanno   dato   molto, e   tanto   hanno   ricevuto.   Oltre   a   portare   avanti   la   nostra   principale   vocazione,   infatti,   tesa   a formare   quanti,   a   vario   titolo,   gravitano   attivamente   e   passivamente   intorno   al   complesso   e drammatico    mondo    del    disagio    psicologico    e    sociale,    abbiamo    creato    una    biblioteca permanente   e   scientificamente   molto   attrezzata,   divenendo   così   un   valido   e   ancora   attuale punto   di   riferimento   per   tanti   studiosi   e   semplici   utenti   non   soltanto   astigiani.   In   più   –   e   con grande   gioia   –   abbiamo   costruito   negli   anni,   anche   sotto   il   vero   e   proprio   profilo   logistico, una   casa   comune   con   molte   realtà   locali   di   volontariato   che,   appunto   nei   locali   messi   a disposizione   gratuitamente   in   via   D’Azeglio,   hanno   potuto   trovare   la   loro   sede   e,   con   noi, trascorrere   anni   indimenticabili   per   i   tanti   positivi   risultati   raggiunti.   Ecco   il   secondo   grande motivo   per   cui,   nonostante   le   spese   sempre   più   alte   necessarie   a   mantenere   l’immobile, abbiamo   rimandato   fino   ad   oggi   questa   soluzione   che,   per   quanto   indispensabile   a   far vivere   il   Cepros,   mantenendone   intatti   gli   scopi   originari,   è   comprensibile   possa   lasciarci tutti   con   un   po’   di   amaro   in   bocca.   Cambiamo   casa,   quindi,   ma   non   la   nostra   strada: continuando   a   fare   quel   che   sappiamo   fare,   nella   speranza   di   farlo   ancora   meglio   e, soprattutto,   di   proseguirlo   idealmente   attraverso   chi,   con   passione   e   volontà,   vorrà   portarlo avanti   dopo   di   noi.   Per   questi   motivi,   insieme   a   mio   fratello   Paolo,   intendo   ringraziare   tutte le   Associazioni   per   quanto   finora   hanno   voluto   donarci   con   la   loro   presenza   presso   la   sede di   via   D’Azeglio,   aggiungendo   il   più   sincero   degli   “arrivederci”.   Certa   di   ritrovarci   tutti ancora e presto, fianco a fianco, nel nostro ambiente naturale: quello del volontariato.
© webmaster     Ganymedes

        Attualmente online